ASSOCIAZIONE ARCA
 
Via Giubilei, 18 Prato
Tel: 0574  468308 
e-mail:
info@arcaprato.it

 
Home Page Associazione Arca Per Contattarci Attività

Link Amici

 
 >>> Associazione ARCA

  lo Staff dell'Arca

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale ARCA
Tra Sport e Solidarietà

Settembre 2013, a tredici anni dall'inizio dell' attività, l'Associazione sportiva dilettantistica e culturale Arca si sofferma a condividere questa entusiasmante esperienza .
Nata come associazione sportiva e culturale, l'Arca si propone di promuovere una visione dello sport come mezzo per vivere quotidianamente il benessere; viene, infatti, proposta una versione dello sport che si prende cura di corpo mente e anima.
La scelta di favorire la pratica di discipline, piuttosto che attività ginniche, implica la possibilità di coinvolgere più aspetti della persona che prende contatto col proprio corpo e scopre la possibilità di intervenire sulla propria salute fisica, psichica e sociale accogliendo nuove consapevolezze.
Dunque è stato dato spazio alle discipline orientali, antico amore che accomuna i soci fondatori, ma anche alle ginnastiche intese come “metodi”, tra cui il Metodo Feldenkrais ®, la Pilates, il Mézières e le contaminazioni sapientemente ideate da competentissimi conduttori.
Naturalmente la danza, come connubio artistico espressivo, è da subito stata una peculiarità nei suoi aspetti etnici (street dance, ma anche danza egiziana e pizzica salentina) e terapeutici, con la Danzamovimentoterapia. Tutto condito con la cultura dell'accoglienza, dell'ascolto, della multietnicità, della ricerca pedagogica e di quanto accomuna le persone che gravitano nei dintorni dell'Arca.
La storia dell' attività dell'associazione ha origine con il coinvolgimento delle istituzioni pratesi che, dal 2002 al 2009, hanno offerto la sede a titolo gratuito nella zona di Coiano. Quando la convenzione economica cessò, nacque una vera e propria sfida che ha fatto crescere l'impegno e la soddisfazione per la conquista dell'autonomia. Questo ulteriore radicamento si mantiene grazie al volontariato degli organizzatori e continua a proporsi col medesimo spirito di interdipendenza e di condivisione.
Con questi presupposti l'Arca ha condiviso, nel corso degli anni, spazi e progetti con moltissime realtà del territorio: dalla Polisportiva Aurora al Centro di Solidarietà, dalla Cooperativa Alice al Centro Primi del Santa Rita, da Oami all' Humanitas, dal Centro Sperimentale di Fotografia di Prato all'Associazione antroposofica Amaltea, dall'Associazione musicoterapica Il Sentiero del Suono a molte altre. Un completamento dell'attività è nato in occasione della collaborazione con l'Associazione Percorsi d'Arte, scuola di danza classica e contemporanea di grande rilevanza tecnica e artistica.
Nel periodo in cui i locali sono stati accessibili a titolo gratito, i proventi sono stati destinati a progetti ad altissima integrazione, come il Progetto Multidisciplinare per persone diversamente abili che hanno potuto vivere gratuitamente esperienze di Metodo Feldenkrais ® , Musicoterapia, Pet Therapy, Movimento-Rilassamento e Movimento-Espressivo per grandi e bambini.
Oggi continuiamo a proporre percorsi a basso impatto economico, ma gestiti da professionisti esperti seri e competenti.
Ogni giorno, vengono approntate delle proposte che consentano a tutti di accedere ad un'esperienza della propria fisicità per imparare ad apprezzare le proprie potenzialità, il risultato del proprio impegno non solo sui muscoli, ma sul respiro. È favorita un'autocoscienza nel tentativo di prediligere esperienze di serenità, di relax e di socialità senza rischi di mortificazioni.
Il coinvolgimento dell'Arca in progetti istituzionali è aumentato di anno in anno come dimostrano i vari interventi in convegni fra cui: “Dipendenze e terapie complementari tra sperimentazione ed esperienza” 2004, “Dalla testa ai piedi. L'uso del corpo nel disagio” maggio 2006; “Tra cielo e terra” giugno 2006 . Fiore all'occhiello per il riconoscimento dell'impegno concreto sul territorio sono le collaborazioni con l'Azienda Usl 4 di Prato fino all'importantissimo progetto di Attività Fisica Adattata Speciale “Rimettersi in cammino”, destinata a persone con esiti stabilizzati di patologie neurologiche e cardio vascolari. Questa iniziativa è stata sovvenzionata dalla Regione Toscana dal 2008 al 2011 e ha prodotto una collaborazione concreta e continuativa con l'Ospedale di Prato; nel maggio 2013 è stato svolto l'ultimo intervento, in ordine di tempo, su tale esperienza nel corso del convegno “Muoversi essere parte attiva nelle scelte della salute” organizzato dalla Società della Salute, Ordine Provinciale dei Medici di Prato e Comune d i Poggio a Caiano.
Questa impostazione, nel corso degli anni, ha attirato l'attenzione di docenti universitari, tanto che l'Associazione è stata citata (pg 98) nel volume “Vibrazioni nella forza” edito da La Meridiana nel 2007 a cura del Professor Sergio Raimondo che lo ha presentato in sede di congressi internazionali.
“[...] il contributo di Luciano Gradi [Presidente dell'Arca ndr] alla società civile non si è esaurito con l'avvio del judo nella UISP. L'esperienza maturata nell'ambiente delle discipline orientali e il carisma della sua figura lo hanno condotto a presiedere l' Arca, una società sportiva che dal 2002 ha ottenuto dal Comune la gestione di un'ampia palestra dove si dedica una particolare attenzione tanto alle discipline orientali che alle attività in campo sociale. Il centro, infatti, offre un'ampia gamma di discipline orientali, dalle arti marziali alle tecniche di benessere e di espressività corporea, ma funziona anche in collaborazione con l'autorità sanitaria pubblica nell'assistenza alle persone diversamente abili e nel recupero di varie forme di disagio. Gli insegnanti delle varie attività sono anzi ammessi nell'Arca solo se dimostrano piena disponibilità ad accogliere nei loro corsi i soggetti affidati all'associazione dai servizi sociali e sanitari. Inoltre, mentre i numerosissimi bambini sono seguiti da insegnanti formati anche sul piano psicopedagogico, i meno abbienti trovano comunque modo di praticare grazie all'accantonamento dei ricavi delle attività. I dirigenti dell'Arca svolgono infatti la loro opera del tutto gratuitamente, cosicché i guadagni sono anche utilizzati per finanziare opere sociali nei paesi poveri e adozioni a distanza.

Lo spazio è a disposizione delle associazioni di volontariato della circoscrizione, tanto che si può pensare all'Arca come un agorà più che ad una palestra, non solo perché accanto alle attività motorie si tengono corsi e incontri culturali, ma perché è un luogo dove i cittadini possono incontrarsi per discutere, per gestire insieme socialità e per stringere reti solidali.[...]”

I riconoscimenti nelle competizioni delle discipline marziali tradizionali, in particolare nei Campionati Nazionali Uisp di Judo e in altre gare di Karate Shotokan con la FIJLKAM e Kung Fu , hanno dimostrato che è possibile coltivare uno spirito agonistico in un contesto di rispetto reciproco e collaborazione sociale senza scadere nello scontro ma nell'esperienza di incontro che anticipa le regole delle relazioni fra pari; una scuola di vita.

Lentamente è stata proposta con forza sempre maggiore l'identità di centro di discipline sportive ma anche di tecniche bionaturali quali il Cranio Sacrale e lo Shiatsu con la scuola professionale dell'Associazione Shiatsu Ki Shen di Firenze, il Counseling Biosistemico, il Metodo Feldenkrais ® e molte altre attività ormai riconosciute per il loro valore proprio dalla Regione Toscana che si distingue per la fiducia nelle tecniche che considerano l'uomo un Sistema unico la cui cura crea risonanza in tutto il pianeta e nell'intero Universo. Il fatto che non sia possibile separare la salute fisica di un singolo individuo da quella di tutta l'umanità è il nocciolo della reciprocità d'azione, dell'interdipendenza che contraddistingue il motore propulsivo dell'Arca.
Con questo paradigma, giorno per giorno, l'associazione Arca si apre alle nuove letture del mondo che possano favorire una qualità di vita armoniosa e benefica per tutte le generazioni.
 

Diventare abitanti consapevoli del proprio corpo e della propria comunità, è più semplice e divertente di quanto si possa credere.

LA STORIA del PROGETTO
Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale ARCA

Il progetto iniziale dell’Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale ARCA fu immediatamente recepito dalla Circoscrizione Nord di Prato, e fu approvato all’unanimità da tutte le forze politiche allora presenti nel Consiglio, decollando così con grande facilità grazie anche al sostegno di questa istituzione; dal gennaio del 2002 alla fine del 2007 ha gestito per conto del Comune di Prato la palestra comunale di via Giubilei, 18, a Coiano. A partire dal 2008 la gestione è diventata autonoma grazie alla riorganizzazione della disponibilità dei fondi e, soprattutto, grazie all'attività di volontariato del team di soci coinvolti nell'organizzazione.
Con la gestione della palestra l’associazione ha promosso sul territorio svariate attività sportive, fra cui:
• Discipline orientali: Judo adulti, ragazzi e bambini con specifici percorsi di GiocoLotta; Karate Shotokai adulti e bambini; Karate Shotokan adulti e bambini; Kung Fu adulti e bambini; Ninjutsu; Daikomyo Real Combat System (Difesa Personale); Ju Jutsu; Taekwondo; Iaido-Battodo; Ken Jutsu; Aikido; Tai Chi Chuan; Yoga principianti e avanzati; Qi Gong; gruppi di Meditazione.
• Ginnastica: Metodo Feldenkrais ®; corpo libero (anche in versione light); ginnastica dolce (anche per anziani); percorsi pre-parto; Pilates ®; Metodo Mézières® , psicomotricità per bambini (“Spazio al corpo che cresce” e "Giochi per Crescere"); Training Autogeno; Movimento rilassamento per disabili e percorsi speciali di Attività Fisica Adattata.
• Danza: Hip Hop per bambini e ragazzi; Breakdance; Danza Espressiva; Danzamovimentoterapia; Tango Argentino; Danza Egiziana, Danza del Ventre, Tribal Fusion Dance; Burlesque; Danza latinoamericana; Danze sri lankesi e Pizzica Salentina.
La palestra dell’associazione è diventata un punto di riferimento per coloro che partecipano all’attività che provingono da tutta la provincia di Prato e oltre.

È un luogo di aggregazione sia per i giovani, i quali trovano nell’Associazione e nella pratiche sportive un punto di riferimento e di sostegno nella maturazione personale; sia per gli anziani, a cui vengono proposti percorsi di attività fisica per il mantenimento del proprio benessere fisico e psicologico.
L’Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale ARCA ha ospitato e/o garantito servizi a :
• 1.800 utenti annui che hanno avuto l’occasione di incontrare circa 80 fra istruttori, operatori e relatori anche di provenienza internazionale.
• svarianti inserimenti socio terapeutici concordati con l’Azienda USL 4 e 1 inserimento proposto dai Servizi Sociali del Comune di Prato;
• circa 100 persone presentate da enti /istituzioni inserite nei corsi istituzionali gratuitamente o con contributi simbolici.
• oltre 50 utenti del Progetto Multidisciplinare per persone diversamente abili e altre 70 al 2013 per il progetto di Attività Fisica Adattata.
• collaborazione svolta nel corso degli anni con altre associazioni operanti nel settore della lotta al disagio attraverso l’accesso gratuito ai locali:
Ceis ; Trofeo città di Prato (per percorsi di formazione); Circoscrizione Nord con la ginnastica antalgica; Oami ; Istituto Santa Rita; Eureka “Progetto Essere Mamma”; Cooperativa Alice (fino al settembre 2005); Associazione ReikInsieme; Associazione Surya; Associazione Società dell’Ascolto con percorsi di Educazione all'Ascolto e percorsi di auto e mutuo aiuto; Circolo letterario (dal 2005 al 2006); Polisportiva Aurora (100 ore l’anno c.a.); Associazione Becheroni; Humanitas; Associazione Amaltèa per la diffusione e studio dell’Antroposofia; Associazione La Teca - per lo studio del pensiero di Gurdjieff; Centro Sophia che promuove la meditazione; e tante altre realtà.


L’Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale ARCA è anche volontariato garantito dai soci e simpatizzanti che si sono impegnati nel tempo in molteplici iniziative di carattere sportivo e culturale con circa 5.000 ore annue di attività dedicata gratuitamente per il buon funzionamento dell'associazione.

Le finalità statutarie
L’Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale ARCA ha “ …. per scopo la diffusione del Judo, dello yoga, delle discipline orientali in genere, della danza, della ginnastica e di altre discipline sportive, in tutte le loro specialità e consimili, dilettantistiche, inquadrate o no dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano, o di quante altre possano essere dallo stesso costituite ed integrate, con particolare attenzione alle persone svantaggiate a causa delle loro condizioni fisiche, psichiche, sociali e familiari; promuove l’azione sociale e la formazione extrascolastica della persona, valorizzando le iniziative che siano in grado di favorire atteggiamenti e comportamenti attivi utilizzando i mediti del libero associazionismo tramite ad esempio, percorsi di fotografia, di pittura ed altro; organizza manifestazioni sportive e culturali, di propaganda annessa, convegni, congressi, simposi e simili a carattere nazionale ed internazionale; può svolgere attività ricreativa, didattica in materie sportive, culturali, naturali, ecologiche e di altro interesse comune. L’Associazione ricercherà modi di confronto con le forze presenti nella società, con le Istituzioni Pubbliche, con gli Enti locali, sportivi, medici, culturali e turistici per contribuire alla realizzazione di progetti che si collocano nel quadro di una programmazione territoriale dell’attività del tempo libero dello sport e della salute; può svolgere nel rispetto delle Leggi, regolamenti statali, delle disposizioni federali e quanto altro per il corretto attuarsi della fattispecie, ogni altra attività ritenuta necessaria per il reperimento dei mezzi economici ai fini dello sviluppo atletico, del benessere fisico, civile, culturale e democratico dell’Associazione e suoi componenti ( art.2 dello Statuto)

La filosofia dell’Associazione
Per l’Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale ARCA la praticare attività fisica è un diritto dei cittadini di tutte le età e categorie sociali.
In quanto diritto, l’attività sportiva deve essere accessibile a tutti, nel rispetto delle aspirazioni e delle capacità di ciascuno e nella diversità delle pratiche agonistiche o amatoriali,organizzate o individuali.
Lo sport é un fenomeno socialmente rilevante, poiché assolve a primarie funzioni nei processi di crescita degli individui e della collettività. In particolare, lo sport costituisce un elemento irrinunciabile della dimensione educativa, per il ruolo che esso svolge nella formazione del fanciullo e dell’educazione continua degli adulti.
Il diritto allo sport è dunque diritto a compiere un’esperienza di maturazione umana e di integrazione sociale.
Lo sport è un’attività umana che si fonda su valori sociali, educativi e culturali essenziali, e rappresenta quindi un eccellente strumento per equilibrare la formazione e lo sviluppo della persona in ogni età.
Per l’Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale ARCA la dimensione associativa dello sport costituisce un’importante risorsa di relazione e interazione sociale, una preziosa esperienza di democrazia, partecipazione e corresponsabilità.
Nel rispetto delle finalità istituzionali, l’associazione pone attenzione a recuperare i saperi e le esperienze di ognuno ed a migliorarne l'utilizzabilità, nella prospettiva di una dignità civile integrata ed espressa, anche in senso creativo.
Contro le situazioni di debolezza e vulnerabilità sociale, l’associazione propone l'interdipendenza tesa alla costruzione di una rete tra le persone in essa coinvolte a vario titolo ed in genere tutta la cittadinanza.
Nella filosofia di lotta in difesa del più debole l'Associazione ha nel tempo sempre garantito i propri servizi anche a chi ha bisogni speciali e, in particolare, agli utenti inviati presso l'Associazione da Enti e Istituzioni quali, ad esempio, i Servizi Sociali dell' Asl .
Per l’Associazione il diritto allo sport è parte integrante del diritto alla salute in quanto lo sport assolve una preziosa funzione sanitaria a beneficio di tutti: tutela la salute ed è fattore di prevenzione contro le malattie e il malessere.


L’ATTIVITÀ
L’associazione intende continuare a promuovere sul territorio le seguenti:

Attività Sportive
• discipline sportive orientali verso adulti di ogni età e bambini
Judo, Yoga, Kung Fu, Karate Shotokai e Karate Shotokan, Teakwondo, Ju Jutsu, Aikido, Iaido-Battodo, Tai Chi, Qi Gong;
• danza per adulti di ogni età e bambini
Danza Espressiva, Hip Hop, tango argentino, danza latinoamericana, Danza egiziana, Danza del Ventre, Tribal Fusion Dance;
• ginnastica per adulti di ogni età e bambini
dolce, corpo libero e Metodo Feldenkrais® ; Pilates ® ; psicomotricità

Le professionalità coinvolte
L’Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale ARCA si avvale per la realizzazione dei propri progetti ed attività di personale qualificato che presta la propria lavoro, anche, a titolo di volontariato.
• Matilde Cavaciocchi, Presidente dell'Associazione insegnante e tecnico UISP, M°di Judo V Dan, praticante di Ken Jutsu e Iaido-Battodo, diploma di Counselor Biosistemico®. Coltiva da anni l'aspetto terapeutico e educativo delle Arti Marziali circa il quale organizza periodicamente conferenze: "Il gioco della complessità tra mente e corpo nelle discipline orientali ed il valore educativo delle Arti Marziali” a cura del dottor Mario Santini il 12 aprile 2003 e il "II° incontro sulla didattica dell' attività sportiva nell' età evolutiva" col dr Santini e il Prof. Serafino Rossini il 2 ottobre 2004. Ha ideato e condotto insieme alla prof.ssa Annamaria Cappelli, il " progetto di formazione per una gestione consapevole della forza e del contatto corporeo" rivolto a insegnanti ed educatori a contatto con ragazzi discinetici e/o con problematiche relative all' aggressività ". Coinvolta nella attività nelle scuole per la diffusione del Judo e del gioco-lotta e in progetti Arteterapia e Movimento Espressivo anche con diversamente abili per promuovere la qualità dell’integrazione scolastica di soggetti con disagio e/o disabilità (Montemurlo 2003, Datini 2004, Filzi 2005, Bartolini di Vaiano, Mazzoni, Zipoli, Centro Integrazione Gandhi 2007-2008, Istituto Comprensivo Gandhi 2008, Scuola di Vergaio 2008). Ha ideato e partecipato al progetto “I giochi dei genitori” 2006, con Caterina Guadagno, Elena Cavaciocchi e Sauro Lascialfari e al Seminario esperienziale “Crescere in un mondo difficile. L'introversione e le problematiche di comunicazione nel frangente didattico" 2009 .
• Luciano Gradi Vice Presidente dell’Arca e fra i soci fondatori. Maestro di Judo e praticante di Kendo. Storico dirigente della Uisp nell’ambito della quale ha istituito il settore di Judo. Il Suo impegno nell’Arca, che concilia uno spazio sportivo con una realtà di centro sociale ad altissima integrazione, gli è valso riconoscimenti a livello nazionale quali la citazione nel libro “Vibrazioni nella Forza” (ed. La Meridiana, a cura di Sergio Raimondo) e a livello internazionale (vedi articolo della rivista in allegato).
• Caterina Guadagno, segretaria dell'associazione, diplomata in Counseling Biosistemico®. Collabora nel coordinare le attività sociali dell' Associazione; ha collaborato con M° Matilde Cavaciocchi nell'ambito delle esperienze di judo destinato ai bambini, ken jutsu per il Centro di Solidarietà CEIS e nel "Progetto rivolto a insegnanti di sostegno ed educatori" . Con Barbara Noci per l' attività di arteterapia coi ragazzi a rischio nel 2003-2004; è stata responsabile del "Progetto multidisciplinare per persone differentemente abili" dal 2003. Coinvolta nella attività nelle scuole per la diffusione del Judo e del gioco-lotta e in progetti Arteterapia e Movimento Espressivo anche con diversamente abili per promuovere la qualità dell’integrazione scolastica di soggetti con disagio e/o disabilità (Montemurlo 2003, Datini 2004, Filzi 2005, Bartolini di Vaiano, Mazzoni, Zipoli, Centro Integrazione Gandhi 2007-2008, Istituto Comprensivo Gandhi 2008). Ha collaborato col Comitato Provinciale C.O.N.I. di Prato nel progetto denominato ”Educazione attraverso lo sport anche per il recupero e l’ integrazione nelle aree urbane” nel 2004 per la diffusione nelle scuole del gioco-lotta propedeutico al Judo. Ha ideato e partecipato al progetto “I giochi dei genitori” 2006, con Matilde Cavaciocchi, Elena Cavaciocchi e Sauro Lascialfari e al Seminario esperienziale “Crescere in un mondo difficile. L'introversione e le problematiche di comunicazione nel frangente didattico" 2009. Attualmente esperta in pedagogia curativa antroposofica.
• Dottoressa Elena Cavaciocchi, psicoterapeuta, già operatrice presso il Centro Psycheros. È coinvolta in progetti di "Movimento rilassamento per disabili"; "Danza espressiva"; percorsi con cadenza mensile "l'Anima in Movimento" e percorsi di 12 incontri di "Training autogeno". Attiva nelle scuole con progetti di Movimento Espressivo anche con diversamente abili per promuovere la qualità dell’integrazione scolastica di soggetti con disagio e/o disabilità (Montemurlo 2003, Datini 2004, Filzi 2005, Bartolini di Vaiano, Mazzoni, Zipoli, Centro Integrazione Gandhi 2007-2008, Istituto Comprensivo Gandhi 2008, Scuola di Vergaio 2008). Si occupa di formazione di operatori nel campo sociale e scolastico. Ha collaborato al progetto “I giochi dei genitori” 2006 promosso in tutti gli istituti scolastici della Provincia di Prato, con Caterina Guadagno, Matilde Cavaciocchi e Sauro Lascialfari. Ha ideato e condotto il laboratorio esperienziale “Crescere in un mondo difficile. L'introversione e le problematiche di comunicazione nel frangente didattico" 2009 in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Provinciale di Prato con il Dr. Manetti. Dal 2007 conduce il Progetto "Rimettersi in Cammino - Attività Fisica Adattata Speciale" destinata a persone con disabilità motoria grave permanente, in collaborazione con l'Azienda USL 4, fino al 2011 finanziato dalla Regione Toscana. Tale importante progetto, fiore ll'occhiello dell'Associazione, continua ancora oggi, come testimoniato nel maggio 2013 in occasione dell'ultimo intervento, in ordine di tempo, su tale esperienza nel corso del convegno “Muoversi essere parte attiva nelle scelte della salute” organizzato dalla Società della Salute, Ordine Provinciale dei Medici di Prato e Comune d i Poggio a Caiano.


PARTNER E COLLABORAZIONI
Il radicamento territoriale dell’Associazione si è realizzato anche tramite la collaborazione con le istituzioni territoriali quali la Circoscrizione Prato Nord e l' A.s.l., in particolare con Dipartimento Tecnico Salute Mentale U.O. Psicologia Azienda U.S.L. 4 di Prato (con la quale ha firmato un protocollo di intesa in materia di sostengo a soggetti a disagio mentale).l' Associazione collabora, inoltre, con altre realtà non-profit sul territorio (molte delle quali usufruiscono dei locali dell’Associazione ), quali:
l'Oami (casa famiglia per malati impediti),
la Polisportiva Aurora,
la Cooperativa Alice coi bambini di Azimut e Nadir,
La Nara(centro di accoglienza delle donne maltrattate),
Il Ceis di Prato (centro di solidarietà che accoglie la comunità per il recupero di tossicodipendenti ),
PAMAT (Centro prevenzione abuso minori),
Istituto Santa Rita da Cascia (in particolare con gli utenti del Centro Politano che accoglie ragazzi e adulti autistici),
l’Humanitas,
Associazione La Teca,
l'Associazione Rotelle Attive di Sauro Lascialfari,
la Piccola Cooperativa a r.l. ONLUS "NORIA",
l' Associazione Società dell' Ascolto,
il Comitato Insegnanti Precari,
il Trofeo Città di Prato,
il C.O.N.I. ,
l'Associazione Amaltèa che promuove l'antroposofia a Prato,
l’ Associazione Becheroni che accoglie persone diabetiche,
l’Associazione ReikInsieme,
l’Associazione Surya,
Il gruppo di lavoro sulla meditazione Sophia.

Oltre a collaborazioni su progetto con:
l’ Associazione Shiatsu Ki-Shen;
Associazione Sportiva Diletantistica Percorsi d'Arte;
l'Associazione Società dell'Ascolto
Scuola Sperimentale di Fotografia di Prato;

ALCUNI REFERENTI TECNICI:
Matilde Cavaciocchi 348 9012993 mati_cav@yahoo.it  ( www.matildecavaciocchi.net )
Dottoressa Elena Cavaciocchi 328-7125758 e-cav@tiscali.it  ( www.elenacavaciocchi.net  )
Caterina Guadagno 349-2879952 catyseye@yahoo.com
Fabiola Gestri 320-9221501 fabiolagestri@alice.it

 

 
 
©Associazione ARCA - website by FABULOUS